Museo archeologia industriale e acqua

Vasca Spoleto
Vasca di decantazione della centrale di Spoleto

Già dalla seconda metà del 1800 Terni vede la nascita e l’installazione di numerose centrali idroelettriche e industrie. Nel corso degli anni gli impianti sono stati modificati e per far fronte alla crescente domanda di energia sono state costruite nuove centrali e dismesse le più vecchie.

Questa evoluzione ha regalato moltissimi reperti di archeologia industriale quali opere di presa, canali, vasche di carico, turbine, e molto altro ancora.

Un gran numero di questi reperti sono fruibili nel Parco Campacci di Marmore, donandoci un museo a cielo aperto di straordinario fascino, con scorci incantevoli sulla rupe che si affaccia sulla Valnerina e con le suggestioni impresse da opere ancora oggi all’avanguardia come la diga Stoney. Il tutto arricchito dall’installazione di parti degli impianti idroelettrici come turbine, chiocciole e altro ancora.

Ulteriori info sui diversi siti e info sulle visite scrivi a: info@marmoretourist.com